I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più...Accetto

23 - Zadlog - Idrijski Log - Zadlog

Click on above image to view full picture

23 - Zadlog - Idrijski Log - Zadlog

Percorso

Zadlog - Idrijski Log - Zadlog

Diventa il primo a recensire il prodotto

Dettaglio

Bikeways Zadlog-Idrijskilog-Zadlog
Punto partenza: Zadlog - Črni Vrh, SLO
Indirizzo: Zadlog 75A, Črni Vrh nad Idrijo
Telefono: ................................................
Orario di lavoro: Sempre aperto
Email/web: zadlog@bikeways.eu / stin.zadlog@gmail.com
Coordinate GPS: GM 45.943287,14.030181 – DM 45 56.5972,14 1.8109 – DMS 45°56' 35.833'',14°1' 48.652''
La mappa interattiva del percorso...

Route 2.276.757 - powered by www.bikemap.net

 

Il percorso...
Partenza dal Bikeways Point di Zadlog. Sono disponibili nel centro sia biciclette elettriche, che MTB che bici per bambini o con cammellino. Per questo percorso, lungo circa 8km su terreno pianeggiante adatto a tutti famiglie comprese, si possono usare senza problemi le bici standard non motorizzate, in quanto il dislivello massimo è poco maggiore ai 50 metri, quindi il tragitto è veramente alla portata di tutti. Passiamo su strade veramente poco trafficate, in un verde rilassante, nel fresco, in mezzo agli alberi ed alle fattorie locali. Le basse alture si superano facilmente, senza difficoltà. Lungo il percorso non ci sono fontane o esercizi commerciali di alcun tipo, quindi dotatevi di borracce ed eventualmente di una merenda da poter consumare sull'erba di uno dei tantissimi prati che incontrerete. All'ultimo incrocio che permette eventualmente di scendere ad Idrija, si incontrano i segnali che indicano la presenza di una Via Alpina. Al ritorno una leggera salita ci riporta a Zadlog. E per ritornare al “campo base”, possiamo scegliere di prendere una scorciatoia su una strada bianca oppure di proseguire fino all'incrocio su fondo asfaltato.

Cosa si incontra...
Idria, già Idria Superiore (in sloveno Idrija ) è un comune sloveno della Slovenia occidentale. Dopo la caduta dell'Impero romano, e la parentesi del Regno ostrogoto, a seguito della Guerra gotica promossa dall’imperatore Giustiniano I entrò a far parte del Prefettura del pretorio d'Italia in mano ai bizantini. Dopo la calata, nel 568, nell’Italia settentrionale dei Longobardi, seguiti poi da popolazioni slave, entrò a far parte del Ducato del Friuli. È nota, oltre per la grande storia che la contraddistingue anche per le sue miniere di mercurio e per la produzione di pizzi. Idria è uno dei pochi luoghi al mondo dove il mercurio si trova sia nella sua forma liquida sia come minerale di cinabro (solfuro di mercurio). Il pozzo di ingresso sotterraneo alle miniere, noto come "Antonijev rov" ("Pozzo di Antonio") viene usato oggi per visite ai livelli superiori, completati con modelli a dimensione naturale dei lavoratori nel corso delle epoche. I livelli più bassi, che arrivano a quasi 400 metri di profondità, non sono più sfruttati.La città ha ottenuto il titolo Città alpina dell'anno 2011.Nei pressi di Idrijski Log si trova l'abisso Habečkovo brezno, il più profondo abisso della zona. La ricerca ha dimostrato che l'acqua sotterranea dell'altoplano è collegata con Divje jezero. Già nel 1926 l'Associazione XXX Ottobre di Trieste misurò la profondità di 480 m. Durante l'ultima ricerca del 1997 gli speleologi hanno misurato la differenza di altezza tra il punto più alto e il punto più basso dell'abisso che è di quasi 400 m.

Particolarità Storiche / Etnico Culturali
Da segnalare la collina del Brinov grič, sulla quale si accamparono Janko Premrl - Vojko e la compagnia Trnovo dal settembre 1942 fino alla morte di Premrl avvenuta nel nel 1943. Da questa posizione la compagnia era in grado di osservare la foresta Trnovo. Rimanendo in una posizione ben nascosta per tutti i sei mesi di permanenza. Figura importante quella di Janko Premrl, nato il 29 febbraio 1920 a Podnanos, a quel tempo in Italia (oggi in Slovenia ). Era il primogenito in una famiglia slovena cattolica etnicamente consapevole. Suo zio Stanko Premrl era un prete cattolico romano, e il compositore e organista noto, autore della melodia per l' inno nazionale sloveno. Un altro dei suoi zii era un importante nelle forze armate del Regno di Jugoslavia. Ha partecipato al movimento antifascista sostenendo una politica di resistenza contro le autorità italiane e, tra le altre cose, ha preparato un attentato non riuscito contro il maestro italiano e segretario del partito fascista in Podnanos. Premrl aveva combattuto nell'esercito italiano 1940-1941. Nel gennaio 1942, la sottufficiale e leader di un cerchio slovena, Ivan Kosovel (1912-1943) , ottenuti i documenti di congedo per malattia, Premrl  disertò, diserzione dovuta anche al fatto che i fascisti italiani gli avevano bruciato la casa della sua famiglia e internato la stessa in un campo di prigionia. Premrl si unì quindi ai partigiani immediatamente e divenne un soldato nella Società Litorale (Primorska četa) il 3 febbraio 1942. Egli si distinse come leader di un gruppo di partigiani e il 18 aprile dello stesso anno in una battaglia sul monte Nanos e in altre otto operazioni di successo nei successivi tre mesi.

 

Particolarità Culinarie, cucina tipica
La cucina slovena (Slovenske narodne jedi) è l'espressione dell'arte culinaria sviluppata in Slovenia. È caratterizzata per essere una cucina molto varia a seconda della regione presa in considerazione: infatti, secondo uno studio di etnologia, nel paese sono presenti 23 regioni gastronomiche.Nella cucina slovena ritroviamo, pertanto, la cucina mediterranea, la cucina della pannonia, delle alpi e della penisola balcanica. Caratteristica della cucina slovena è la semplicità solo apparente, influenzata com'’è dalla cucina dei Paesi confinanti. Per provare le varianti locali della cucina slovena, è consigliabile approfittare dell’'offerta delle trattorie locali, le gostilne. Sono tantissime, di solito a gestione familiare, e vi accompagneranno in un viaggio tra piatti genuini dai sapori robusti. I secondi piatti sono a base di carne, soprattutto maiale, (ma anche manzo) e se la stagione lo consente, la selvaggina, tutto accompagnato con verdure miste e salse dai sapori particolari, come il cren. Tutti da assaporare due piatti di origine ungherese, il gulasch, chiamato golaž in Slovenia, e il paprikaš, manzo o pollo cucinato in pentola con salse piccanti. E infine, largo ai dolci della Slovenia: lo zavitek (strudel), o il krof, il bombolone, o la classica potica, concluderanno in maniera impeccabile un pranzo che vi lascerà più che soddisfatti. Il piatto da assaggiare a Idrija è l'Idriski žlikrofi, una specialità tipica di questa zone. Sono una sorta di ravioli fatti con la pasta all'uovo con ripieno di patate lesse e sono caratterizzati dalla forma tipica allungata dei ravioli. Sono serviti secondo tradizone con la bakalca, stufato di carne di montone e verdure.

 

Informazioni Aggiuntive

Ristoro sul sentiero Agriturismo Pr' Mark, Črni Vrh nad Idrijo
Bicicletta consigliata Mountain bike
Tipo di percorso Strada asfaltata, Strada sterrata
Difficoltà Facile
Distanza 5 - 10 km
Durata 0 - 1 h
Servizi disponibili ND
Mathitech s.r.l., Viale Miramare 5, 34135 Trieste (TS), Italy & MATHITECH d.o.o., Kraska Ulica 4, 6210 Sezana, Slovenija