16 - Sentiero della Scoperta - Pliskovica, Stanjel, Kobjeglava

Click on above image to view full picture

16 - Sentiero della Scoperta - Pliskovica, Stanjel, Kobjeglava

Percorso

Gita piacevole tra Pliskovica, Stanjel e Sezana

Diventa il primo a recensire il prodotto

Dettaglio

Bikeways Trieste Stanjel
Punto partenza: Youth Hostel Pliskovica - Sezana, SLO
Indirizzo: Pliskovica 11, 6221 Dutovlje
Telefono: +386 (0)5 7640250, +386 (0)41 947 327
Orario di lavoro: La reception e aperta tutti giorni dalle 7.00 alle 22.00.
Email/web: info@hostelkras.com
Coordinate GPS: GM 45.771759, 13.783912 – DM 45 46.3055, 13 47.0347 – DMS 45° 46' 18.332'', 13° 47' 2.083''
La mappa interattiva del percorso...

Route 2.528.093 - powered by www.bikemap.net
>

 

Il percorso...

Il percorso alla portata di tutti, senza eccezioni. Strada Asfaltata, non impegnativo nel modo più assoluto per una lunghezza di 30 km. SI può partire dallo  Youth Hostel di Pliskovica che è anche punto Bikeways Point verso Stanjel e all'arrivo visita del castello di Štanjel, della mostra nella galleria d'arte Lojze Spacal. Pedalando verso Kobjeglava – visita dell'essiccatoio del prosciutto a Kobjeglava, degustazione del prosciutto e del Teran (tipico vino carsico).Si prosegue verso Tupelče. Quindi fino a Coljava – con possibilità di degustazione delle bonta' carsiche.
Ritorno verso Pliskovica. Si percorrono strade asfaltate non molto trafficate e ben segnalate. La bici da trekking è il metodo migliore per affrontare la fatica, si potrebbe anche considerare l'utilizzo di una bicicletta a pedalata assistita Mathitech EBike4Town. Ad ogni modo non ci sono dislivelli tali da richiedere necessariamente questo mezzo. 

Cosa si incontra...

Non vi sono particolari siti storici nel percorso ma piuttosto la natura e le bellezze caratteristiche del Carso sloveno. Profumi e sapori condiscono il percorso che propone delle visite relax. Segnaliamo in modo particolare il castello di Stanjel al cui interno, in spazi mirabilmente recuperati e la visita della mostra permanente dedicata al pittore Lojze Spacal (1907-2000) con la sua magnifica  opera pittorica, geniale fusione di segno e di colore. Altro cenno merita il bellissimo giardino dei Ferrari a Stanjel opera di Max Fabiani.

Particolarità Storiche / Etnico Culturali

Pliskovica dopo la prima guerra mondiale passò, come tutta la Venezia Giulia, al Regno d'Italia; il toponimo venne italianizzato in Pliscovizza della Madonna, e il comune venne inserito nel circondario di Gorizia della provincia del Friuli.Nel 1927 passò alla nuova provincia di Gorizia.Dopo la seconda guerra mondiale il territorio passò alla Jugoslavia; attualmente Pliskovica è frazione del comune di Sesana. Kobjeglava Dopo la caduta dell’Impero romano, e la parentesi del Regno ostrogoto, i Longobardi si insediarono nel suo territorio, seguiti poi attorno al VI secolo da popolazioni slave. Alla caduta del Regno longobardo subentrarono quindi i Franchi; nel 887 Arnolfo, Re dei Franchi orientali, istituì la marca di Carniola; nel 957 la Carniola passò sotto l’autorità del Duca di Baviera e poi nel 976 nel Ducato di Carinzia appena costituito dall’imperatore Ottone II. In seguito il Ducato di Carinzia passò, come ricompensa per i servigi resi all’imperatore Rodolfo I contro Ottocaro II di Boemia, a Mainardo II di Tirolo-Gorizia.Il paese viene citato per la prima volta nel 1300 e probabilmente era sottomesso alla giurisdizione dei conti di San Daniele sotto la sfera d'influenza della Contea di Gorizia; in seguito, passando nel 1500 alla Casa d’Asburgo, il territorio entrò nella Contea di Gorizia e Gradisca.Con il trattato di Schönbrunn (1809) entrò a far parte delle Province Illiriche. Col Congresso di Vienna nel 1815 rientrò in mano austriaca. Tra le due guerre mondiali fu comune autonomo della Provincia del Friuli, sempre comprendendo anche l'insediamento (naselje) di Villa Tupelce (Tupelče); nel 1927, passò alla ricostituita Provincia di Gorizia[8] venendo assorbito dal comune di San Daniele del Carso nel 1928[9].Tra il 1945 e il 1947, trovandosi a ovest della Linea Morgan fece parte, assieme a tutto il Carso di Comeno e all'attiguo San Daniele del Carso, della Zona A della Venezia Giulia sotto il controllo Britannico-Americano del Governo Militare Alleato[10] (AMG); passò poi alla Jugoslavia e quindi alla Slovenia..
 
PER SAPERNE DI PIU': 

Pliskovica, la storia:         www.pliskovica.com  

Particolarità Culinarie, cucina tipica

La cucina slovena (Seznam slovenskih narodnih jedi) è l'espressione dell'arte culinaria sviluppata in Slovenia. È caratterizzata per essere una cucina molto varia a seconda della regione presa in considerazione: infatti, secondo uno studio di etnologia, nel paese sono presenti 23 regioni gastronomiche.Nella cucina slovena ritroviamo, pertanto, la cucina mediterranea, la cucina della pannonia, delle alpi e della penisola balcanica. Caratteristica della cucina slovena è la semplicità solo apparente, influenzata com'’è dalla cucina dei Paesi confinanti. I piatti diffusi a livello nazionale non sono molti: gli žlikrofi, ravioli con ripieno di patate lesse e pancetta, da condire con il sugo dell’arrosto, il brodet, una sorta di zuppa di pesce, l’olio di semi di zucca chiamato bučno olje, e dolci come la potica, con ricotta e noci, e la prekmurska gibanica, dolce ricchissimo di calorie, fatto con miele, noci, frutta secca e semi di papavero. Per provare le varianti locali della cucina slovena, è consigliabile approfittare dell’'offerta delle trattorie locali, le gostilne. Sono tantissime, di solito a gestione familiare, e vi accompagneranno in un viaggio tra piatti genuini dai sapori robusti. I secondi piatti sono a base di carne, soprattutto maiale, (ma anche manzo) e se la stagione lo consente, la selvaggina, tutto accompagnato con verdure miste e salse dai sapori particolari, come il cren. Tutti da assaporare due piatti di origine ungherese, il gulasch, chiamato golaž in Slovenia, e il paprikaš, manzo o pollo cucinato in pentola con salse piccanti. E infine, largo ai dolci della Slovenia: lo zavitek (strudel), o il krof, il bombolone, o la classica potica, concluderanno in maniera impeccabile un pranzo che vi lascerà più che soddisfatti.
 
PER SAPERNE DI PIU':

Cucina in Slovenia :   mangiare-spendendo-poco

 

 

Informazioni Aggiuntive

Fondo del sentiero Strada Asfaltata, non impegnativo
Ristoro sul sentiero TIC di Sezana offrirà supporto per tutta l'organizzazione del viaggio
Tipologia del sentiero Percorso alla portata di tutti i cicloturisti
Percorribilità consigliata City bike, Mountain bike, Trekking bike
Informazioni Per Info rivolgersi a TIC Sezana
Distanza 20 - 30 km
Lunghezza e durata tra 20 e 30 km